RPL

Canone inverso

In Cinema, Recensioni on gennaio 14, 2009 at 11:08 pm

canone-inverso

Non capita spesso nella vita di guardare un film e rimanerne colpiti.

Questo è quanto accade con la visione di “Canone Inverso – Making Love” di Ricky Tognazzi, un film di qualche anno fa, probabilmente del 2000. La prima volta in cui l’ho visto ricordo di esserne stata catturata. Tutto è perfetto. Gli attori, la sceneggiatura, l’ambientazione, la musica.

Eccoci arrivati a Lei.

Questa magica musica che pervade lo spettatore e che attraversa il film, accompagnandolo dall’inizio alla fine. Assolutamente indimenticabile.

Praga, 1968. Il giovane violinista Jeno Varga incontra Costanza, una giovane donna, in un locale e suona una musica che la fa tornare indietro nel tempo, ai suoi ricordi confusi di bambina. Questa musica è per lei e per “tutte le donne che hanno negli occhi la memoria del mondo”.

Da questo momento in poi si torna indietro agli anni dei nazisti di Hitler, anni durante i quali nasce un’amicizia tra due magici violinisti, due giovani “folli”, due che quando suonano fanno all’amore, “making love” appunto. Anni difficili durante i quali nasce una splendida quanto tormentata storia d’amore tra uno dei due violinisti ed una famosa pianista.

E come un canone inverso , che lo si può suonare a ritroso, che fa tornare indietro, più il film avanza e più la mente ripercorre gli anni passati.

Un film perfetto. Assolutamente consigliato a chi non solo ama la musica, ma la considera parte integrante di sé .

Claudia Cappello

Annunci
  1. “Tutto è perfetto. Gli attori, la sceneggiatura, l’ambientazione, la musica”….
    Perdonami, ma credevo stessi parlando di un film di Truffaut, Bunuel, Scorsese……quand ho letto il titolo, mi son chiesto: ma al cinema, claudia, ci vai mai? Cosa sono attori quelli che muovono la bocca (non le labbra!) in questo film (é un film o fiction?)? Scusami, ma per onor del vero, prova a riguardare il film: il canone é una forma musicale dove tutto torna: nel plot (Canone inverso) ci sono dei buchi di sceneggiatura spaventosi. Sulla musica, poi: perdonami, ma se leggessi l’intervista di morricone sul sito de il manifesto, leggeresti: D. Maestro, un film che si pente di aver musicato. M: Canone inverso.

    Il cinema e la musica é altro! Con molta umiltà e amicizia, posso consigliarti un film sulla musica veramente bello, con attori veri, sceneggiatura ferrea e musiche sublimi: 4 minuti di Kris Kraus: IL CINEMA!

    Mi ero incazzato all’inizio, ma perdonami, son bombarolo!!!! Buon cinema e lunga vita alla signora……..claudia!

  2. Quel ciuccione del commentatore ha compiuto un errore grammaticale imperdonabile: “Il cinema e la musica é altro” al posto di “il cinema e la musica sono altro”. Bocciato!
    Anche se la giustificazione é scritta dopo: “mi ero inkazzato”…….Comunque,non si può perdonare. Per lo meno rimandato a settembre!
    Saluti alla cara claudia.

  3. Gent.mo gianka,ti ringrazio per il tuo prezioso consiglio, e appena ne avrò l’opportunità vedrò certamente il film 4 minuti, di Kris Kraus.
    Solo una piccola osservazione: mi era sembrato di capire che questo fosse un blog libero e aperto a tutti,all’arricchimento del quale chiunque potesse contribuire con pensieri e opinioni.Non avevo capito che le recensioni dovessero riferirsi solo a film del calibro de “La corazzata Potëmkin “! :-))
    Spero davvero che tu non veda solo films di Truffaut, Bunuel, Scorsese!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao caro e alla prossima!!
    Claudia

    • Cara Claudia, questo blog e’ apertissimo a tutte le opinioni e all’arricchimento esattamente come tu dici. Non a caso tu e gianka avete avuto la medesima opportunita’ di esprimere e replicare. Sono contento che una recensione sia oggetto di dibattito! Come direbbe Borges, state salvando il mondo…
      Sentiti/sentitevi liberi di comunicare il vostro pensiero come volete.

      Grazie a nome del Presidio,
      Roberto

  4. ciao cloud,
    perdonami, ti leggo solo oggi, per casini vari. Ma figurati,la mia era solo un modoper scambiare qualche opinione su un film che mi ha fatto incazzare. Non me ne volere. Assolutamente. Sai,proprio ieri avevao a casa amici e abbiamo deciso di vedere insieme un film assolutamente bellissimo, Travolti da un insolito destino, e a seguire, L’armata Brancaleone. Mancava qualche b-movie di Alvaro Vitali e facevamo il completo. No, non vedo solo Scorsese, Truffaut, ecc. Sapessi quante volte, per lavoro, vado a cinema per recensire film anche peggiori di Canone inverso. Ma perdonami, siamo diversi (e questa é la bellezza e anche la magia del cinema!): il film di Tognazzi é veramente brutto. A differenza di te, che mi sembri da quello che scrivi un’ottima persona…..Speriamo un giorno di conoscerci di persona e inkazzarci. Sul cinema, per il cinema e con il cinema. E naturalmente, del buon vino. Offro io!

  5. Perfetto!
    Allora , come dice Vinicio Capossela:
    “Vino,bancarelle e terra arsa e rossa,
    terra di sud, terra di sud, terra di confine,
    terra di dove finisce la terra”
    ( da Il ballo di San Vito)

    A presto caro Gianka mio!

  6. Vengo anch’io?
    pas

  7. Gianka scrisse:
    “Con molta umiltà e amicizia, posso consigliarti un film sulla musica veramente bello, con attori veri, sceneggiatura ferrea e musiche sublimi: 4 minuti di Kris Kraus: IL CINEMA!”

    Ho avuto l’occasione qualche giorno fa di vedere Quattro Minuti. Davvero bellissimo, forte, intenso e con i “quattro minuti” finali indimenticabili. Consigliato vivamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...