RPL

Il Venditore di Tempo

In Letture, Recensioni on agosto 2, 2009 at 4:00 pm

venditore

“Affrettati! Il Tempo finisce!” è questo lo slogan che pubblicizza un nuovo prodotto: un recipiente contenente cinque minuti di tempo, fantasioso ed irreale progetto al centro della favola Il Venditore di Tempo di Fernando Trìas de Bes.

Inventato dal signor “Tizio Qualsiasi”, il nuovo bene costa 1.99 $ e offre a tutti i cittadini di “Uno Stato Anonimo” la possibilità di disporre di cinque preziosissimi minuti da dedicare a se stessi sopperendo al bisogno di ritagliarsi uno spazio personale nel ritmo frenetico ed alienante degli obblighi lavorativi. Introdotto nel mercato, il barattolo di cinque minuti sembra risolvere problemi legati allo stress e alla stanchezza ma la giusta dose verrà sostituita da scatole di due ore…

Vi siete mai chiesti cosa succerebbe se le persone iniziassero ad avere sempre più tempo per se stesse?

L’autore racconta i diversi atteggiamenti delle persone rispetto al tempo giungendo alla conclusione che soltanto attenzioni e cure positive rivoltegli sono alla base del successo nella vita personale e professionale. La crescita individuale e socio-culturale, così come il benessere economico, questa è la parte più curiosa e inusuale del libro, si costruisce attraverso un saggio uso del proprio tempo che deriva dalla libertà di scelta e decisione. L’elaborazione di questi argomenti si rivela, così, un monito per tutti coloro che seguono la routine quotidiana e non sono padroni del proprio tempo, o meglio, lo sono ma non come vorrebbero, con l’intento, inoltre, di aiutare a migliorare non tanto l’utilizzo bensì la gestione e l’organizzazione del proprio tempo.

La riflessione, congiunta giocoforza alla trama, descrive poi i passi che portano alla nascita di un nuovo sistema economico che lede alla società dei consumi e ai principi dell’economia libera. Ancora, l’autore analizza con sguardo ironico il mondo dell’impresa e del marketing manifestando la critica al mito del denaro e all’eccessivo desiderio di guadagno che non considera gli aspetti essenziali e i diritti fondamentali della persona.

Lo stile della narrazione è semplice e non tende all’artificiosità incappando in descrizioni lunghe e noiose; indefinito il contesto storico e geografico, siamo, infatti, in Uno Stato Anonimo, e non vi sono indicazioni temporali; in un registro particolare, ma adatto a tutte le età, troviamo abbreviati i nomi principali: TQ sta per Tizio Qualsiasi, MTQ per Moglie di Tizio Qualsiasi, BNC per Banca, T per tempo etc..

Una favola originale e interessante capace di divertire e appassionare nel suo obiettivo di dimostrarci che il tempo passa e un minuto sprecato è perduto per sempre.

Claudia Ruggiero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...