RPL

A cavallo dell’arcobaleno

In Musica on novembre 21, 2009 at 10:47 pm

Uli John Roth

Ci si può emozionare sino alle lacrime ascoltando il suono di una chitarra? A me è successo. Proprio ora. Non pensavo potesse accadere, eppure è successo. Anche questo è il potere della musica.

Credo che la grandezza di un artista che si esprime senza usare le parole valga doppio perché doppio è il rischio cui si espone: quello di non essere capito e quello, ancora peggiore, di essere frainteso. Difficile usare la musica per comunicare, difficile eppure possibile. Qualcuno ci riesce. Ci riusciva Jimi Hendrix, ci riesce Ritchie Blackmore, ci riesce Brian May e ci riescono tanti altri maestri che hanno formato la sensibilità musicale di chi scrive. Da qualche giorno ne ho scoperto un altro di questi maestri, ancora una volta un protagonista degli anni settanta. Favolosi e terribili quegli anni la cui anima vibra ancora, presente, viva, inquieta. Non va via, forse perché dannata. Benedetta sia quell’anima dannata. Bruci ancora a lungo.

Conoscevo Uli John Roth ma non il suo suono, ero a conoscenza della sua militanza negli Scorpions degli anni d’oro, quelli a cavallo tra il 1973 e il 1978, ricordo di averne sentito parlare per la prima volta nel 1998 in quanto membro di una delle tante incarnazioni del G3 di Joe Satriani. Pensavo, misero e presuntuoso, che fosse uno dei tanti guitar hero che popolano il variegato mondo della musica rock. Quanto sbagliavo! C’è voluto l’entusiasmo di una persona preziosa quanto l’emozione che muove ora le mie mani a farmi scoprire che dietro quel nome si celava un chitarrista geniale e raffinato come pochi. La musica di Uli John Roth è commovente e poetica come una poesia di Alda Merini. Così come commovente e poetica è  la passione di Cecè, lo splendido untore di cui sopra, che mi ha iniziato all’ascolto di Tokyo Tapes in una serata autunnale che farò davvero fatica a dimenticare.

Tra qualche giorno potrò ascoltare dal vivo la poesia musicale di Uli John Roth e, sono sicuro, altre lacrime righeranno il volto invisibile dell’anima mia, e non me ne vogliate se tornerò su questo spazio per parlarvene ancora. Le emozioni sono più belle quando sono condivise. Buona musica a tutti.

Giorgio Castriota

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...